VENERE

Venere insieme a Mercurio è uno dei pianeti che ha un’orbita interna all’orbita terrestre. Il suo elemento è l’aria, si tratta di un pianeta femminile ed emotivo.

La rivoluzione del pianeta è di 225 giorni, i suoi domicili sono Toro (diurno) e Bilancia (notturno), di conseguenza è in esilio in Scorpione e in Ariete, la sua esaltazione è in Pesci e la caduta in Vergine.

L’età che rappresenta è la prima gioventù, la fase della vita legata ai sentimenti. È fin troppo scontato il passaggio mentale Venere-Amore, ma non si tratta solo di questo.

I significati del pianeta sono legati a bellezza, seduzione e scioltezza.

Il simbolo è composto da un cerchio posizionato sopra ad una croce: dove il cerchio indica lo spirito che sovrasta la materia rappresentata dalla croce.

Facendo un paragone con quello che dicevamo riguardo al simbolo di Marte nello scorso post, possiamo qui notare la grande differenza nel tipo di energia che riguarda la Venere: questa energia è concentrata su sé stessi. Non fraintendete, non intendo che la Venere indichi una sorta di egoismo in cui si vuole solo essere amati o letteralmente amare sé stessi, intendo dire che l’amore di venere è un amore che parte da quello che si sente e benché l’oggetto del desiderio non sia sé, la soddisfazione di questo sentimento è “egoista”.

La Venere si dimostra egoista quando tradisce il marito Efesto con Ares, quando decide di cercare amanti mortali perché Zeus le aveva proibito di amare gli altri dei e di nuovo si dimostra egoista quando si allontana da tutto e da tutti, trascurando anche sé stessa, perché ama Adone.

Ovviamente c’è una certa differenza tra la Venere in Bilancia e quella in Toro: la prima si esprime meglio, indica il desiderio in forma sessuale, l’estetismo, la seconda è più carnale e materiale, dà piacere ai sensi. In senso negativo porta ad avere pigrizia in generale e nel modo di atteggiarsi.

I segni zodiacali rappresentano un crescendo di esperienze e di consapevolezze, ne consegue che la Venere del Toro, ovvero quella del secondo segno zodiacale è più istintiva avendo maturato solo l’esperienza dell’Ariete, infatti i suoi significati sono legati come dicevamo ai sensi, non abbiamo razionalità. La Venere ama in modo pieno, sensuale, in maniera più infantile (esaltazione della Luna). La Venere della Bilancia ha maturato più esperienza, si risveglia dopo la Vergine dove è in Caduta, e condivide qualcosa con Saturno che nello steso segno si esalta: qui la troviamo più composta, più ragionevole, che ama meno con la bocca e più con la mente dando molta più importanza a grazia e bellezza.

MARTE

La rivoluzione di Marte è di circa 2 anni e il suo elemento è il Fuoco. Marte è il primo Pianeta che incontriamo all’esterno dell’orbita terrestre. I suoi domicili sono Ariete (diurno) e Scorpione (notturno), lo troviamo di conseguenza in esilio in Bilancia e Toro, che ricordo sono di dominio di Venere, viene esaltato dal Capricorno ed è in caduta in Cancro.

Il simbolo di questo pianeta è molto esplicito: abbiamo un cerchio da cui parte una freccia verso l’alto ma inclinata a destra e sta ad indicare l’energia vitale e aggressiva che sfruttiamo nell’approccio con il mondo esterno, perché l’energia di Marte parte da noi ma va lontano, alla conquista.

Le caratteristiche principali rappresentate sono la forza muscolare, l’aggressività, il coraggio e la sopportazione (infatti è esaltato proprio nel domicilio di Saturno, che ci indica come resistere a situazioni di difficoltà o estreme). Se in positivo abbiamo persone che osano, che riescono ad imporsi in modo sano, ma soprattutto che riescono a realizzare; in negativo la forza portata dal pianeta sarà distruttrice, brutale, maniacale e un po’ sadica.

Marte rappresenta innanzi tutto i guerrieri, virilizza ed in temi femminili se lo troviamo in posizioni importanti, gli stessi tratti tendono ad essere mascolinizzati: es. viso scolpito, mascella importante, muscolatura forte e tonica.

Non troviamo solo guerra nella mitologia di questo pianeta: c’è anche amore. È noto infatti il mito in cui Ares-Marte innamorato di Minerva, sposa di Efesto, la seduce non di meno che nel letto coniugale. Efesto però viene avvisato dal Sole e decide di cogliere i due amanti sul fatto forgiando delle catene che li avrebbero intrappolati non appena distesi a letto. Vediamo così che l’ingegno tipico uraniano vince la forza bruta marziana.

Dal mito della guerra di Troia, invece, possiamo apprendere che anche l’intelligenza e la saggezza è un mezzo per limitare l’aggressività cieca, è infatti Atena a ferire due volte Marte durante la battaglia.

L’istinto marziano però non è innato, infatti è dettato da quello che la Venere ci fa desiderare, non per nulla è Marte a rappresentare l’energia sessuale; ne consegue che sia stretto il legame tra il pianeta ed il pene in quanto maschile, attivo, che si impone. Tutto quello di cui Marte andrà alla conquista però è desiderato da un pianeta la cui orbita è interna a quella terrestre, quindi che è molto più orientato verso il sentimento dell’io. Marte è l’espressione della nostra conquista ed i mezzi per realizzarla.

GIOVE

Giove compie la sua rivoluzione in poco meno di 12 anni, il suo elemento è l’Aria.

I suoi domicili sono Sagittario (Diurno) e Pesci (Notturno) e di conseguenza viene esiliato in Gemelli e Vergine, troviamo la sua esaltazione in Cancro e la caduta in Capricorno.

Questo pianeta rappresenta l’età della maturazione, ovvero quella in cui si raccolgono i frutti di ciò che si ha costruito durante la propria crescita. Nonostante sia questa la fase della vita indicata, si vede anche un forte legame con il significato di bambino dato che è in questa fase che si vede la direzione della crescita del soggetto. Giove rappresenta il cavo orale e la propria soddisfazione, che di conseguenza porta ad un altro importante significato l’espansione che è strettamente legata al nutrimento, alla golosità. Un rapporto positivo con la propria oralità porta alla conseguenza dell’ingrandimento di sé stessi in ogni direzione: simpatia, ottimismo, estroversione, ambizione, fiducia e generosità.

Quando Giove non viene fermato si può incombere in una pesantezza fisica o in un delirio di grandezza.

Un altro aspetto di Giove è l’autorità e l’organizzazione, non per nulla parliamo del padre degli dei.

Il geroglifo di questo pianeta sta ad indicare la croce spazio-tempo-materia e la sua curva indica l’affetto verso l’illimitato. La stessa curva volge a sinistra così come la freccia del Sagittario che punta a raggiungere la dimensione spirituale e metafisica dei segni del Capricorno e dei Pesci. Inoltre il simbolo di Giove inoltre ricorda un 4 che è il numero degli elementi legati ai segni zodiacali, che moltiplicato per i 3 gruppi energetici dà la totalità dei 12 segni zodiacali, ritroviamo così il significato di completezza del pianeta.

Andando a ricercare i significati di Giove nella mitologia, questo viene salvato in fasce dalla madre Rea, sposa di Crono-Saturno a cui diede una pietra da mangiare al posto del proprio figlio. Da adulto Giove detronizza Saturno e lo costringe a sputare la pietra ed i propri fratelli. La contrario del padre però Giove non uccide il proprio genitore ma lo manda in esilio alle isole dei Beati, inoltre in futuro punirà coloro che commetteranno figlicidio.

Giove in fatti indica VITA.

SATURNO

Saturno è un pianeta non troppo amato da chi segue l’astrologia per diletto. In realtà io personalmente lo stimo molto. 

Questo pianeta percorre il giro intero dello zodiaco in circa 29 anni. I suoi domicili sono il Capricorno (notturno) e l’Aquario (diurno), l’esilio è in Cancro e Leone, l’esaltazione in Bilancia e la caduta in Ariete.

Questo Pianeta è rappresentato dalla Terra fredda e secca dell’inverno. Indica le prove più dure e gravi della propria esistenza, ma anche la conservazione e la concentrazione, proprio per questo porta ad avere un temperamento nervoso. La strutturazione che rappresenta è facilmente legabile alla vecchiaia visto che ciò che rimane, che si conserva è “vecchio” o addirittura antico. 

La freddezza che lo caratterizza si può evolvere facilmente in uno stato di apatia e di insoddisfazione sia alimentare che affettiva, che viene compensata con avidità e distacco.

Il simbolo di Saturno è una falce emblema proprio del taglio, del distacco, delle perdite, se con il tempo e con l’arrivo della vecchiaia si accettano le prove affrontate durante il proprio percorso e tutto quello di cui si è stati ripagati, Saturno ripaga. 

Nella mitologia Saturno è il divoratore dei propri figli, oltre ad aver castrato il padre Urano. Saturno vuole che le cose siano strutturate secondo la propria ragione, non si tratta mai di una volontà emotiva. La rinuncia del potere e quindi della possibilità di decidere non è contemplata, per tanto preferisce uccidere la sua stessa prole piuttosto che vedere usurpato il proprio potere. 

Nel momento in cui Saturno decise di affrontare il padre, era consapevole che avrebbe pagato le conseguenze delle proprie azioni, non perché lui ritenesse che le azioni che da li a poco sarebbe andato a compiere fossero ingiuste in qualsivoglia modo, ma perché si rendeva conto che quelle azioni avrebbero dato un’impronta al suo futuro. Nonostante ciò Saturno affronta il proprio destino e a sua volta verrà detronizzato dal figlio Giove, come lui aveva fatto con il proprio padre. Saturno diventa ciò che aveva combattuto. Verrà poi mandato in esilio alle Isole dei Beati, ritroviamo così un altro importante significato del Pianeta: l’isolamento.

Tema Natale con Marte in Capricorno

astro_2gw_anonymous.63145.34753

Analizziamo assieme un tema natale con Marte in Capricorno. 

Innanzitutto vediamo che Marte è solo e questo gli dà importanza. Infatti escludendo Chirone che è un asteroide e il nodo nord che è uno dei due nodi orbitali della Luna, Marte è l’unico pianeta al di sotto dell’orizzonte in questo tema. 

La parte sotto l’orizzonte indica la parte interiore di sé. Marte da solo deve sforzarsi per portare ad un equilibrio il tema, per questo diventa particolarmente energetico e quindi di grande importanza per il soggetto.  

Marte in Capricorno in Terza Casa può indicare lotte continue con i fratelli, i cognati, i vicini. Il Sestile con il Saturno appena sorto, dovrebbe attenuare questa situazione con l’avanzare del tempo, non tanto per sfinimento quanto per una maturazione del soggetto stesso.  

L’introspezione viene caricata dall’energia marziana che porta a voler continuamente agire, le riflessioni spesso sono legate a lotte continue, magari anche in ambiti sempre nuovi, ma difficile è che con un tema così ci sia un periodo di pace almeno a livello emotivo e prima della vecchiaia. 

La cuspide della Terza Casa cade, come Marte in Capricorno, e richiama anche lei Saturno nella Casa in veste di governatore del Segno. Così il settore Terzo pretende per moderare quel Marte una sola cosa: l’isolamento. 

Di fronte a Marte troviamo due pianeti in Opposizione: Mercurio e Giove (Venere non lo considero). 

Giove suo malgrado si ritrova ad espandere un Marte già forte, ampliandone la capacità guerriera, l’aggressività, la forza. Mercurio invece posizionato esattamente di fronte a Marte, quando lui di guerre non vorrebbe sentirne parlare, ne diventa la vittima e spesso i diverbi sono con persone giovani o a causa di ideologie diverse. Visto Giove e Mercurio coinvolti sono piuttosto sicura di poter affermare che le guerre siano esclusivamente a livello verbale. 

Ricordiamo che Marte è in Capricorno e va a braccetto con Saturno in Scorpione con cui, in questo tema, si scambia il domicilio, ma Mercurio e Giove in Cancro non può sopportarli. L’infantilismo Cancerino sono per lui una palla al piede, la pigrizia, l’amore per le comodità vanno contro a tutto ciò a cui lui ambisce, per questo qui troviamo un Marte in Capricorno che non solo vuole ma deve distruggere tutto quello che il Cancro rappresenta. 

 

Marte in Capricorno

1

Oggi parleremo di Marte in Capricorno. 

Il Capricorno è un segno di Terra, Femminile e Cardinale. La sua Casa è la Decima quella del Medio Cielo o Medium Coeli: lo Zenit. 

L’ingresso del Sole in questo segno avviene durante il solstizio d’inverno, infatti le caratteristiche del segno sono molto simili a quelle della stagione fredda. Il Capricorno è un segno freddo, rigido, tendenzialmente solitario. La sua terra non è fertile come quella del Toro, né ha bisogno riposo come quella della Vergine (stremata dalla stagione del raccolto). Al contrario la sua terra è dura, difficile da affrontare, solo i più forti, o meglio tenaci, la possono affrontare.  

Il Capricorno è tendenzialmente ambizioso (materialmente o spiritualmente) e molto indipendente.  

Questo segno è dominato da Saturno di cui senza dubbio condivide la severità, in esaltazione troviamo Marte.  

Marte è il pianeta che indica in primo luogo l’azione, la passione, la violenza. Fisicamente indica tutto ciò che è legato all’azione fisica, la muscolatura, spesso abbiamo a che fare con degli sportivi o soldati. Il suo elemento è il fuoco, il suo Domicilio Diurno infatti è in Ariete, per tanto troviamo anche un legame con le armi, soprattutto da fuoco, e la lotta in generale. 

Marte in Capricorno rende le persone nate sotto questo cielo molto forti fisicamente e a livello mentale. La muscolatura spesso è robusta, la tenacia è inarrestabile. È importante notare che con questo Marte non saremo di fronte a persone che vogliono tutto e subito, che fanno i capricci magari, ma avremo persone che si costruiscono da sole e che sono consapevoli dell’importanze del tempo nei processi. Mi piace pensare che questo Marte sia consigliato da Saturno, le cose solide non si costruiscono in un attimo, serve un preciso processo lento. È per questo motivo che i Marte capricornini hanno la capacità di aspettare in silenzio (il domicilio notturno è in Scorpione) e coltivare per quando l’inverno sarà passato. 

Spesso questo porta loro ad essere maturi nel momento in cui viene il loro turno al timone, ma questo, benché possa essere visto come un peccato dai più frenetici, non lo è. Infatti il Marte in Capricorno diventa indispensabile nell’ambito in cui vive e non solo non lascerà mai la sua posizione, ma, ancora più importante, non gli verrà mai chiesto di farlo. 

Vi lascio qui l’esempio di un Tema Natale con Marte in Capricorno. 

SOLE NELLE CASE

Vediamo brevemente i significati del Sole, che nel Tema Natale rappresenta l’Io, nelle Case astrologiche:

  • SOLE IN PRIMA CASA: personalità molto importante. Tendenza all’egocentrismo. Enorme giudizio di sé stessi in positivo e in negativo.  
  • SOLE IN SECONDA CASA: si dà molta importanza al denaro, in particolare a quello della propria famiglia. Fotogenia.  
  • SOLE IN TERZA CASA: forte legame con i fratelli. Intelligenza fugace, tendenza a variare molto negli studi. Forte capacità comunicativa. Spesso si faranno lavori che hanno a che fare con la voce o con la stampa. 
  • SOLE IN QUARTA CASA: la famiglia ha un ruolo importante. Tendenza alla pigrizia, amore per le comodità. Spesso si preferisce stare in casa piuttosto che altrove. 
  • SOLE IN QUINTA CASA: ci si identifica con i figli, con i bambini. A volte si è infantili. Gli uomini potrebbero avere un forte legame con il proprio pene. Si ama insegnare, spesso lo si fa come lavoro. Amore per lo spettacolo e per il gioco d’azzardo. 
  • SOLE IN SESTA CASA: pignoleria, attenzione al dettaglio, amore per gli animali, per la pulizia. Si preferisce un lavoro come dipendente.  
  • SOLE IN SETTIMA CASA: molto importante il rapporto con gli altri, in cui ci si identifica. Realizzazione con il matrimonio.  
  • SOLE IN OTTAVA CASA: nella vita si hanno continui cambiamenti dovuti ad una costante ricerca. Tendenza ad identificarsi negli oggetti, ma non in modo troppo superficiale. Ricerca del denaro. Spesso varie eredità nella vita. 
  • SOLE IN NONA CASA: studi profondi e filosofici, viaggi. Forza e determinazione caratterizzano questo Sole. Bisogno di cercare la propria identità lontano dalle proprie origini. 
  • SOLE IN DECIMA CASA: autonomia in tutto ciò che si fa nella vita. Si preferisce un lavoro autonomo. Leggera tendenza alla solitudine. Ricerca della realizzazione nella vita. 
  • SOLE IN UNDICESIMA CASA: forte istinto della collettività, bisogno di fare anche per gli altri. La propria cerchia di amici ha un ruolo fondamentale nella vita.  
  • SOLE IN DODICESIMA CASA: tendenza al sacrificio. Bisogno di evasione dalla realtà. Spesso si avrà a che fare con luoghi di reclusione, come carceri o ospedali. 

Sole in Sagittario

Sole in Sagittario

Ultimo dei segni autunnali, attorno al 22 Novembre il Sole si sposta nell’ultimo dei segni di Fuoco: il Sagittario.

Mitologia: chi è il Sagittario?

Il Sagittario è rappresentato da una creatura con il corpo per metà cavallo e per metà uomo. Le leggende e i miti legati a questi esemplari sono molti.

Solitamente preferisco parlare di un solo mito, ma in questo caso non posso perché il segno ha a che fare sia con il raziocinio umano che con l’istintualità animale.

Il mito principale legato al segno è quello di Issione re dei Lapiti che sposò la figlia di Deioneo promettendo a quest’ultimo una ricca ricompensa per la mano di Dia. Quando il padre della sposa si presento per chiedere quanto gli spettava, Issione gli tese un tranello e lo fece precipitare in un pozzo di fuoco uccidendolo. Issione però si pentì amaramente di quanto aveva fatto e i tormenti lo portarono alla follia. Giove commosso dalle sofferenze del re dei Lapiti, lo graziò e lo portò sull’Olimpo. Qui Issione vide Era, se ne invaghì e volle possederla. Giove stupito, decise di vedere fin dove si sarebbe spinto l’ingrato ospite, così gli presentò una nuvola con le sembianze di Era. Issione cadde in inganno. Dal rapporto nacque una creatura metà uomo e metà cavallo che fu chiamata Centauro.

Altro mito decisamente diverso è quello di Chirone, che al contrario mostra il lato profondamente filosofico del segno. Chirone era un centauro mite e giusto che aveva raggiunto uno stato superiore grazie ad un periodo di isolamento. Il centauro venne accidentalmente ucciso da Eracle che lo colpì con una freccia impregnata del sangue dell’idra di Lerna. Giove che lo stimava lo mise nel firmamento come la costellazione del Sagittario.

Segno   Elemento   Domicilio   Esaltazione  Caduta   Esilio  
Sagittario

Segno Mobile

Fuoco Giove e Nettuno Mercurio

 Il Sagittario è un segno molto energico e determinato, cosignificante della Nona Casa. Chi nasce sotto questo segno è dominato di Giove che dà in primo luogo il proprio senso di espansione, infatti le persone che hanno caratteristiche importanti che coinvolgono questo segno spesso sono persone alte e grosse. Teniamo presente che il segno è rappresentato da un centauro, metà uomo e metà cavallo.

Ad accompagnare questa fisicità abbiamo un carattere molto gioviale, amichevole, ma anche di una incredibile profondità se si pensa che parliamo di un segno di fuoco, quindi maschile e propenso più all’azione che alla riflessione. Nascendo dopo lo Scorpione ha assunto l’esperienza vissuta da questo, così come quella di tutti i segni che lo precedono, ed è il risultato di una profonda analisi.

Questo segno è un segno che ama imparare e che ama insegnare, tramandare la propria conoscenza. Gli studi che attirano maggiormente il Sagittario sono quelli che riguardano il lato spirituale della vita ma nel suo senso più concreto. La filosofia che riguarda l’esistenza, è più interessato a come affrontare la vita terrena che non l’aldilà; questa è una cosa che lasciamo ai Pesci.

Lo strumento che preferisce per studiare è il viaggio. È alla costante ricerca di qualcosa lontano da sé e dalle proprie origini. Credo che questa profonda voglia di ricerca del lontano sia anche dovuta alla sua energia instancabile che gli chiede di rimanere alla ricerca di novità. Una volta che sa “tutto” il Sagittario va oltre ma non si ferma.

Importante simbolo di questo segno è la sua freccia, che è destinata ad andare lontano, stiamo parlando di un segno forte e determinato.

Sole in Scorpione

Il Sole entra nel segno dello Scorpione il 21 Ottobre. 

Mitologia: Chi è lo Scorpione? 

Nella mitologia latina il mito dello Scorpione è legato a quello di Orione, in fatti questo è figlio Nettuno, Giove e Mercurio che, su richiesta di Ireo, un contadino che li aveva ospitati e che era rimasto vedovo e senza figli, gli diedero un discendente urinando sulla pelle di un toro che questo aveva sacrificato in loro onore. Il ragazzo divenne il più bello degli esseri mortali ed un grande cacciatore; quando Diana lo incontrò se ne innamorò ma lui la rifiutò e lei gelosa gli aizzo contro uno scorpione che lo uccise. Ora Orione e lo Scorpione sono opposti nel cielo.  

Segno  Elemento  Domicilio  Esaltazione  Caduta  Esilio 
Scorpione 

Segno Fisso 

Acqua  Marte e Plutone    Luna  Venere 

Il Sole tra il 21-22 di Ottobre entra nel segno dello Scorpione, è cosignificante dell’Ottava Casa e di conseguenza ne condivide tutti i significati. 

Questo segno ha la nomea del più cattivo dello zodiaco, ma a me non piace etichettare in questo modo nessuno dei segni zodiacali; per me sono tutti belli a modo loro.

Lo Scorpione è un segno d’acqua e come tale è molto sensibile, così come i suoi fratelli di elemento Cancro e Pesci. Questa estrema sensibilità porta lui, più degli altri, ad essere aggressivo per una sorta di autodifesa, in oltre questo segno è governato da Marte e Plutone che gli danno una forte impronta aggressiva ma anche una grande carica sessuale. Questi due pianeti rappresentano nel loro insieme l’apparato genitale maschile, Marte-Pene e Plutone-Testicoli, e proprio in questo segno abbiamo la caduta della Luna-Utero e l’esilio della Venere-Ovaie. È interessante osservare che in questo segno femminile non troviamo affatto a proprio agio i pianeti che indicano dal punto di vista fisico l’apparato genitale femminile. Questo ci deve far riflettere sul significato che ha effettivamente maschile e femminile e con quanto poco abbia a che fare con l’essere donna o uomo.  Altro punto fisico indicato dal segno è l’ano.

Premettendo che l’Elemento dei tre segni ha sempre un qualcosa di diverso per ogni segno, qui abbiamo non l’acqua limpida del Cancro, non l’immensità oceanica dell’acqua dei Pesci, ma un’acqua sporca, scura, stagnante e, nel mio immaginario, piena di mostri. Lo Scorpione è il segno del mistero e della ricerca. Lo Scorpione scava in profondità, cerca ciò che è occulto ed inconscio. Le cose per lui non sono mai come appaiono in superficie e per questo ha il lato positivo di non fermarsi mai sull’uscio di una porta: lo Scorpione vuole sapere. La prima vittima delle continue analisi di questo segno è proprio sé stesso. Fortunatamente queste ricerche lo portano spesso a migliorarsi ad evolversi. Ha una tendenza a porre fine alle questioni per lui “morte”. 

Cosa centra tutto questo con l’ano? L’ano è la parte del corpo con cui eliminiamo gli scarti. Buttiamo via ciò che non ci serve dopo averlo elaborato e averne ottenuto tutto ciò che potevamo utilizzare. Lo Scorpione non ha paura di sporcarsi le mani per fare ciò in cui crede e soprattutto per fare ciò di cui ha bisogno. Il lato negativo è che può portarlo spesso a un percorso molto tormentato.

Marte in Bilancia

Marte in Bilancia.jpg

Marte è da pochissimo entrato nel segno d’Aria della Bilancia.

Marte che è domiciliato in Ariete e Scorpione, si trova in caduta in Cancro, è esaltato in Capricorno e proprio in Bilancia abbiamo il suo esilio.

Abbiamo qui un’unione tra Venere e Marte perché è proprio il pianeta dell’eros e della guerra a invadere il territorio dell’Amore nel segno equilibrato della Bilancia.

Marte è un pianeta molto forte e rappresenta l’energia e la forza di cui si è donati nel momento in cui si nasce, il modo in cui si affrontano le lotte nella vita, l’atteggiamento (aggressivo o meno) che con cui ci si pone di fronte a tutto.

Un Marte carico rende il soggetto molto mascolino, aggressivo, competitivo, poco propenso al ragionare, al contrario sempre pronto all’azione. Marte agisce.

I domicili di Marte sono Ariete quello diurno e Scorpione quello notturno e infatti questi due segni sono molto aggressivi. Tutti quanti siamo stati feriti da uno Scorpione e tutti quanti sappiamo quanto a poco serva scontrarsi con un Ariete.

La Bilancia però è il segno di cui è maestro la Venere: il pianeta che rappresenta l’Amore e non solo è esalta Saturno. La Bilancia è pacata e con la sua calma sottomette quasi completamente il Pianeta Rosso.

Marte in Bilancia fa sì che il soggetto riesca ad affrontare le sfide della vita con un certo raziocinio. Marte qui non si spegne, anzi: Marte qui decide. La Venere è da sempre l’altra metà di Marte, qui possiamo ammirare una bellissima danza in cui Marte vuole usare e usa tutta la sua forza per abbracciare appassionatamente la Venere per mezzo della Bilancia.

Quindi abbiamo un Marte che abbraccia appieno l’Amore, ma qual è l’altra faccia della medaglia?

Una totale intolleranza alla guerra. Marte ha lasciato le armi e non riesce ad affrontare con facilità le lotte. Anzi, se per caso gli capita di trovarsi in mezzo alza i tacchi e se ne va.