SOLE IN ARIETE

ARIETE: CARDINALE – MASCHILE – FUOCO

La caratteristica principale di chi ha il Sole in questo segno è senza alcun dubbio la forza nel bene e nel male.

Un segno, innanzitutto di Fuoco, il primo dello Zodiaco e si pone spesso in una posizione di comando, anche senza averne il diritto. Testardo per principio, necessita di avere un arcinemico da combattere. Ama gli scontri e spesso è lui stesso a cercarli. Segno solitario, punto tutti i riflettori su di sé, anche perché non comprende la necessità dello stare in mezzo agli altri visto il naturale egoismo che lo caratterizza.

La donna Ariete spesso non trova facile identificare la propria femminilità, risulta maschile nei modi o nel carattere, tendenzialmente aggressiva.

Entrambi sono molto passionali ed impulsivi. Agiscono prima di pensare e spesso se ne pentono.

Può facilmente risultare incline al mal di testa.

Personaggi: Marlon Brando (3 aprile 1924) & Aretha Franklin (25 marzo 1942)

Immagine

MERCURIO IN PRIMA CASA

Mercurio riesce a spostare nella Casa Prima tutta la sua intelligenza e la sua giovialità. L’animo Gemelli del Pianeta va a sconfiggere l’aspetto Arietino della Casa.

Chi ha Mercurio in questa posizione è quasi certamente una persona intelligente, allegra, dall’anima giovane e con una spiccata curiosità, che rende socievoli e, se il segno lo permette, ottimi conversatori.

Vediamo un caso di Mercurio in Prima.

Immagine

Questo Mercurio si trova in Scorpione e le sue caratteristiche iniziali vengono ampliate da un sorta di intuito, dote innata del Segno, dall’ingegno e da un umorismo sarcastico.

Mercurio si ritrova insieme a altri tre pianeti nella Casa Prima. Tralascerò per ora la presenza di Plutone e di Venere, per concentrarmi sulla vicinanza tra Mercurio e Sole. 

Quando c’è troppa vicinanza tra Sole e Mercurio si dice che il primo brucia il secondo. Come mi ha sempre detto la mia prima insegnate il soggetto ha un’intelligenza bruciata ovvero è veramente molto intelligente ma si perde in un bicchiere d’acqua. 

Questo Mercurio va a creare aspetti positivi con la Terza Casa e negativi con la Decima.

I Sestili con la Terza Casa portano il soggetto ad essere vivace nell’ambiente più vicino a se e quindi alle prime conoscenze, fratelli, sorelle e famigliari stretti. Avendo in Prima Casa anche Plutone questa persona già di suo ama mettersi al centro dell’attenzione e porsi su un palcoscenico (una spanna sopra agli altri, avendo anche il Sole in nella stessa posizione), in più, facendo lo stesso Plutone Sestile a Nettuno e Saturno in Terza Casa, sfrutterà l’ambiente famigliare come pubblico.

Purtroppo dall’altra parte dell’Orizzonte, ci sono i difficili rapporti che si creano tra la Casa dell’Io e la Casa dell’Indipendenza. Una persona con un Quadrato simile non può che avere enormi problemi di misurazione. Mercurio rappresenta oltre alla loquacità e l’intelligenza anche l’economia, ne consegue che il soggetto avrà problemi oltre al parlare troppo e a sproposito, sarà tendenzialmente uno spendaccione, non perché ami spendere di per sé, ma perché la megalomania di Giove abbatte quasi completamente il senso pratico di Mercurio.

Concludo aggiungendo un piccola caratterista che spicca molto nel soggetto di questo tema: Mercurio che si congiunge a Plutone da un’intelligenza molto spiccata ma segnata da un continuo bisogno di nuovi stimoli che porta la persona a vivere cercando continuamente nuove attività, nuove sfide e nuove conoscenze spesso a causa di un’insoddisfazione costante.

VENERE IN PRIMA CASA

La Venere in Prima Casa può dare al soggetto le seguenti caratteristiche: fascino, simpatia, bellezza estetica, ma anche pigrizia e solitudine sofferta.

Ovviamente, come in quasi tutti gli aspetti, i pianeti possono portare sia un effetto che l’esatto opposto. Basandomi su questo voglio mostrarvi una Venere sana e un Venere sofferta.

Immagine

Nel primo caso abbiamo una Venere che è completamente isolata se non fosse per il Trigono al Medio Cielo. Di conseguenza per analizzare una Venere simile bisogna badare maggiormente al segno in cui si trova, ovvero il Toro.

Il soggetto risulterà, grazie al pianeta nel segno, sensuale ed esteta, attaccato alla terra ed alla natura. Con molta probabilità questa persona avrà un vero amore per chi costruisce e per le costruzioni, anche in senso materiale. Questa Venere implica un’identificazione della propria bellezza con la bellezza della propria abitazione.

Nel secondo caso invece la Venere si trova un po’ in difficoltà.

Immagine

La Venere è in Ariete e di conseguenza è in esilio, i sentimenti suscitati da questa Venere sono forti, impetuosi, improvvisi oserei dire irrazionali. Come se ciò non bastasse è castigata da Quadrati e Opposizioni.

Andiamo con ordine.

Il conflitto più chiaro in questo Cielo è l’Opposizione che troviamo con Giove in Settima Casa. Possiamo considerare la Venere in prima dal punto di vista amoroso, il soggetto brama l’amore degli altri come se non potesse viverne senza e questo lo porterà a pensare spesso e volentieri di non essere amato abbastanza. Questa smania d’amore folle può portare a cambiare amante per essere riempito nuovamente di attenzioni.

Avendo una Casa Prima molto larga e Venere posizionata a pochi gradi dalla fine della Casa, possiamo notare che si formano Quadrati con case che di solito sono “amiche”. Per questo voglio spiegare brevemente una regola che prendo spesso in considerazione: se il Pianeta si affaccia sulla casa successiva, ci cade anche dentro. In altre parole quando un pianeta è a meno di 10 gradi dalla casa successiva, lo considero anche nella casa dopo.

La Venere rappresenta anche la bellezza, trovandosi qui in Prima Casa, da una valida spiegazione di come il soggetto vive il proprio fascino. In questo ultimo caso il lato estetico è un po’ frustrato. Assicuro personalmente che il soggetto ha una bellezza fisica non da poco, ma non se ne rende conto. Va a cercare di migliorarsi costantemente, ma non si sente pienamente soddisfatto e sicuro di sé. Sono portata a pensare che questa persona viva l’amore e l’atto sessuale come una sfida da vincere, a dimostrazione della propria bellezza, infatti la Venere fa Quadrato con Marte in Quinta Casa, che si per sé dava già una forte carica amatoria.

Concludo ricordando che la Venere rappresenta anche la salute e chi ha Venere in Prima Casa in alcuni casi può avere troppo riguardo verso il proprio stato e tale riguardo può sfociare nella patofobia.

MARTE IN PRIMA CASA

Non mi è capitato di trovare Marte in Prima casa molto spesso e dei tanti dati che ho, solo due hanno questa caratteristica.

Di default Marte in prima rappresenta tutto ciò che pensando al dio Marte ci può venire alla mente: aggressività, competizione non sempre del tutto sportiva, grande energia, molta impulsività.

Ma vediamo meglio i miei casi specifici.

Immagine

Nel primo caso, il soggetto “A”, abbiamo un Marte in Ariete, Quindi il Pianeta che dà di per se forza alla Casa, si trova più che a proprio agio, e benché si può supporre che tutto ciò vada ad aumentare l’impulsività, l’aggressività e la competitività del soggetto, io trovo che avere tutte questa forza “radunata” nella Prima Casa rende completamente innocuo il soggetto in tutte le altre Case e di conseguenza lo renderà un soggetto che pur avendo molta energia, la sfrutterà poco o niente.

Non avendo i Pianeti distribuiti omogeneamente nelle varie Case, Marte in Prima non va a creare rapporti netti con la Casa Terza, Quarta, Quinta e Decima, sarà opportuno analizzare il Segno per ciascuna Casa.

Mi duole notare l’opposizione di Marte con Plutone in Casa Settima che mi fa pensare a possibili problemi nelle relazioni amorose e coi soci. Probabilmente il soggetto farà grande fatica a trovare le persone adatte alla propria personalità, di sicuro saranno persone con una altrettanta forza o persone a cui sarà legato per un segreto o con una menzogna, come spiega il Plutone in Settima Casa. Inoltre Saturno in Casa Settima va ad enfatizzare una certa privazione dell’Io Casa Prima a beneficio degli Altri Casa settima.

Andiamo a vedere il legame che crea Marte di “A” con Nettuno in Casa Nona. Con Nettuno in questa posizione, chi non viaggia fisicamente, per certo viaggerà molto con la fantasia, se estremamente leso il Pianeta può rappresentare i trip dovuti a droghe, ma non è questo il caso. Qui il trigono tra Marte e Nettuno va ad attenuare ancora di più le caratteristiche di base di Marte in Prima.

Analizziamo ora il soggetto “B”.

Immagine

Qui Marte è in Gemelli e di conseguenza l’aggressività cambia, non è più soprattutto fisica ma intellettuale, li scontri sono più verbali, l’irruenza è un capriccio e il soggetto è tendenzialmente permaloso. Di buono si acquista rapidità mentale e astuzia.

Devo aggiungere un dettaglio, Marte rappresenta anche la virilità del soggetto ed è associato al Pene, chi ha Marte in Prima Casa ha un certo legame con l’attributo maschile. Essendo questo soggetto maschile e non avendo grandi fattori contrastanti, sono portata a pensare che “B” riveda molto di sé nell’atto sessuale e questa caratteristica è enfatizzata dal Sole, Pianeta che rappresenta l’Io, in Casa Quinta, ovvero la Casa dell’accoppiamento, con cui tra l’altro forma un Trigono.

Il Trigono formato con la Casa Terza, che rappresenta il vicinato, mi porta a credere che il soggetto “B” sia piuttosto loquace con chi gli è vicino, ma devo ricordare che il fatto che in questa Casa ci sia Giove in Leone, per nulla a proprio agio, fa sì che magari parla, ma non comunica.

L’unico aspetto negativo rilevante di questo Marte è il Quadrato con la Casa Quarta, dove si trova la Luna. Sono certa che il soggetto ha problemi relazionali con la figura materna. Molto probabilmente l’Io Marziano del soggetto è costretto a continue lotte con una madre piuttosto protettiva.

In conclusione vorrei far notare quanto avere un pianeta forte come Marte in Casa Prima non dia una forza scontata, anzi spesso sì è più pacifici di quanto sembri e comunque bisognerà farsi valere nella vita.

LUNA IN PRIMA CASA

Tra i cieli che ho sotto mano ce ne sono due che hanno come pianeta in I Casa la Luna. La mia intenzione è quella di notare gli effetti della Luna nella Casa che va a identificare l’Io quando questo è uomo o donna.

Nel primo caso (l’uomo) abbiamo la Luna in I in Bilancia. Di suo la Luna in Bilancia dà un animo pacifico, sereno e socievole che tende a distaccarsi emotivamente pur di avere un’esistenza armonica. Come uomo è sensibile all’estetica.

Andando ad analizzare questa Luna possiamo notare vari aspetti. In particolare voglio prendere in considerazione gli aspetti con le Case Seconda, dove ha Plutone, la Quarta, la Quinta, la Nona e l’Undicesima.

Premesso che la Luna in I come prassi indica per l’Uomo una certa passività che può anche nuocere al soggetto stesso (se non la salvano altri aspetti), che risulta emotivamente instabile e con bisogno di un certo protagonismo, suscettibile e con necessità di rassicurazione. Per la donna le rassicurazioni sono sulla bellezza e sul fascino personale.

La Luna in I fa si che il maschio si identifichi con la madre, salvo Marte, Sole e Plutone molto forti e il nostro caso rappresenta una via di mezzo, per cui il nostro soggetto si identifica con la madre ma non al punto di diventare femminile. La donna, salvo un Saturno o un Urano forte, tenderà alla civetteria.

Analizziamo ora la Luna del soggetto “A” uomo.

Come dicevamo in precedenza la Luna del soggetto fa cattivi aspetti con la Casa Quarta, in cui per di più si trova l’esplosivo Urano. Non è difficile supporre che le spaccature più forti nella vita del soggetto siano con la Madre, in cui si identifica come persona. Fortunatamente la mascolinità del soggetto “A” non viene del tutto uccisa in quanto Marte, Sole e Plutone non sono messi così male, proprio la Luna fa buoni aspetti con il Sole e Plutone rispettivamente in Decima e Seconda Casa.

Benché “A” abbia un’indole piuttosto femminile è per un fatto di sentimenti più che di aspetto esteriore, in cui risulterà mascolino, anche se la Bilancia fa sì che sia curato, ma il soggetto è incline a vivere la vita da un punto di vista femminile più che con “la salutare noncuranza” di un uomo.

Tornando in zona Luna-Madre in questo soggetto si riscontra per gli aspetti con Plutone e con Urano della forte tensione psichica con la Madre appunto. Ho notato un certo senso di abbandono in chi ha Plutone in Seconda Casa. Ciò comunque non va ad intaccare il rapporto con la donna in generale, salvato prontamente dal Trigono Luna-Sole.

 Ora spostiamo la nostra attenzione su “B” donna.

Notiamo subito che la nostra Luna qui è messa molto peggio della precedente, con decisamente molti Quadrati, ma come dico sempre io (che ne ho un Cielo Astrale pieno) “i Quadrati sono stimolanti!” (con questo non voglio dire che non faranno il possibile per ostacolarti).

Gli aspetti che saltano maggiormente all’occhio sono: Luna Quadrata a Venere, Marte, Urano, Nettuno, Opposta a Giove e (per fortuna) Sestile a Saturno, Trigono al Sole.

Ricordo che essendo un soggetto Donna la Luna in I Casa assume significati diversi. Innanzitutto perde il significato di Madre e va a coprire quello di femminilità.

Qui la Luna in Ariete si trova nella sua Casa! La donna di questo tipo è impavida, forte, autonoma, tendenzialmente ha un po’ di problemi con l’altro sesso ma per questo bisogna anche analizzare gli altri aspetti, per esempio la Luna Quadrata a Venere dà alla Donna una bellezza difficile da far sbocciare e che una volta sbocciata rimane comunque distanziata da quella ordinaria, potrebbe essere questo l’esempio di una donna che si fa bella ispirandosi a una moda dal passato o a una moda di tradizione diversa dalla propria. Non mi stupirebbe affatto se questo e il soggetto “A” finissero con identificare il proprio Io in un’altra cultura visto che entrambi hanno la Luna in I e il Sole in Nona ben aspettato.

Facendo un confronto tra Prima e Settima Casa, possiamo notare l’aspetto negativo tra  Giove e Luna che porta il soggetto a una sua posizione pessimistica dovuta ai continui fallimenti, il buon aspetto di Giove col Sole in Nona mi fa comunque sperare nel successo lontano dalle proprie radici, con molta probabilità all’estero, addirittura sposare un’altra nazionalità.

C’è un altro effetto si questo Giove e questa Luna: il soggetto è incentivato dalla Luna in Prima a segnare se stesso e da Giove in Settima a sognarsi nei panni degli altri, tenendo presente che anche l’aspetto Luna-Nettuno dà molta fantasia, il soggetto “B” può avere sogni molto fantasiosi in cui si pone in situazioni di altre persone (anche personaggi irreali) che in un modo o nell’altro lo attirano.

Concludo con un effetto della Luna in Prima che ha notato in entrambi i soggetti: la più che totale mancanza di presa di posizione davanti a domande stupide come “Che facciamo stasera?”. Be’ non vi è rimedio a questa loro “non-decisione”.

SOLE IN PRIMA CASA

 

Chi studia l’astrologia sa che uno stesso aspetto in Cieli Astrali diversi può finire con l’andare a rappresentare uno stesso fattore ma vissuto in modo diverso da ogni soggetto.

Ci tengo a sottolineare che un aspetto non fa un “Cielo”, ovvero non si può vedere un unico aspetto per identificare una persona, come chi identifica il soggetto con il Sole. Bisogna approfondire quell’aspetto fino ad identificarlo in mezzo ad altri che possono sembrare uguali, come si suol dire: non facciamo d’un filo d’erba un fascio! Per questo motivo voglio portare ad esempio 3 diversi Temi Natali che presentano un aspetto in comune. Nello specifico questo aspetto è il Sole in Prima casa.

Prendo in analisi tre soggetti che chiameremo A, B, C.

A) Il nostro “A” ha un bel Sole in Prima Casa nei Pesci. 

 

Premessa: il Sole in Prima ci pone davanti a una persona che di default sarà molto protagonista, ama avere le luci dei riflettori su di sé e sa come mettersi al centro dell’attenzione. Il suo grosso difetto è che non sa dare limite al proprio ego che in caso di riuscita inizierà ad elogiarsi come nuovo e unico dio sceso in terra o in caso contrario si auto flagellerà fino a perire.

 

Il Sole di “A” ha buoni aspetti con la Casa undicesima e la nona tenendo presente che chi ha questo aspetto cerca anche le conferme negli altri più di quanto loro stessi non ammettano, con molta probabilità avremo un soggetto che cerca di fare colpo sugli amici e che ci riesce. Può anche arrivare a circondarsi di amici come fossero accessori: “Io sono magnifico e i miei amici pure!”. Il più delle volte è anche leader.

Il Sole di “A” però fa aspetto con Urano in Nona Casa e quindi gli capiterò di rompere in modo brusco con gli amici. 

La Casa Settima con Giove in Bilancia dirimpettaia va a smorzare (oserei dire “per fortuna”) il protagonismo del Sole in Prima, al contrario si sfoga sulla Casa Quarta vuota per la quale “A” diventa un elemento di spicco della famiglia, che gli si affida spesso e volentieri.

B) Al contrario di “A” che aveva una Casa Prima di 51°, “B” ne ha per il proprio Ego solo 25° e già questo mi fa pensare a un Io un po’ “costretto”.

Questo bel Sole in Bilancia si trova a dover affrontare da solo Nettuno e Urano in Quarta Casa in Capricorno e Marte in Decima in Cancro.

Partiamo dalla Quarta, la Casa dei genitori vieni a scontrarsi con l’Io della Prima, un Io pacifico perché in Bilancia e che già parte sentendosi fuori posto vista la Casa influenzata dall’Ariete.

Ad un Urano che posto in Quarta Casa porta scontri continui coi genitori viene sommato un Sole che Così posto va ad enfatizzare possibili litigi con il padre.

Dall’altro fronte abbiamo un Marte in Decima, casa dell’indipendenza, in Cancro: lunatico per eccellenza.

L’indipendenza diventa un obiettivo altalenante per il soggetto che non riesce a trovare la pace che un Sole in Bilancia vorrebbe a causa di rapporti, ribadisco, non privi d’attrito coi genitori. “B” continuerà ad alternare la voglia di andare col proprio bisogno di appartenenza.

A dare manforte all’Io è (finalmente) la Casa Quinta con il suo Saturno Trigono al Sole in Prima.

 

(Teniamo presente che Saturno in Quinta è un’arma a doppio taglio).

 

Il soggetto finirà col trovare se stesso e la pace di cui ha bisogno nel sesso. Egoisticamente si cerca piacere ma non per la riproduzione, bensì per l’Ego, anzi di certo “B” risulta guardingo all’idea di riprodursi o alla sola possibilità ma non rinuncia al piacere. Per fortuna ha dalla sua parte questo trigono che lo rende molto coscienzioso delle proprie responsabilità.

 

Una persona con Saturno in Quinta sarebbe capacissima di privarsi del sesso per non rischiare una gravidanza.

 

Aggiungo in oltre che con una Settima Casa vuota, “B” sarà il protagonista del suo matrimonio, più che il suo partner.

C) Il soggetto “C” è il caso  in cui durante il faccia a faccia col soggetto l’ego spropositato si sente di più.

Controllando come è posto il Sole nell’insieme del Cielo si notano forti contrasti con la Decima Casa e un’intensa affinità con la Terza Casa anche se ostacolata dagli stessi pianeti che si trovano nella Casa (Urano, Nettuno, Saturno).

Il Sole Quadrato a Giove in Decima crea un forte attrito tra l’Io e il proprio successo, l’indipendenza e la realizzazione.

Il Giove, in Decima per un soffio, rende il soggetto non poco megalomane.

Il contrasto tra l’Io Sole e il Giove in Decima lo porta a cercare costantemente una ricchezza in cui identificarsi, ricchezza che di base non c’è, costringendo un Sole super megalomane e un Giove super megalomane a cercare libero sfogo in un ambiente ostico.

Analizzando in contemporanea la Casa Decima, Prima e Terza possiamo affermare che il soggetto ha attorno a sé una famiglia (fratelli e sorelle in modo particolare rappresentati dalla Terza Casa) che tendono a sacrificarsi, anche se non senza attriti dati dalla presenza di Urano, per il bene del soggetto che si pone di suo e viene anche posto dalla famiglia stessa, su un piano diverso (Giove in Decima).

Come possiamo notare questo stesso aspetto nei tre Cieli Astrali dà risultati diversi dovuti a tutto ciò che li circonda.

 

 

L’astrologia è la materia che studia le mille sfaccettature della vita di una persona e degli avvenimenti che caratterizzeranno la sua esistenza attraverso lo studio della posizione degli astri al momento in cui tale persona nasceva.

Il mio obiettivo, con l’osservazione degli aspetti del tema natale, è quello di aiutare il consultante a conoscere se stesso per quello che è nel profondo, per quello che appare agli altri e di fare un’auto-analisi della vita quotidiana.